Signori, all’ingaggio!

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Seguici su Facebook

Signori!
Ci rendiamo conto di cosa abbiamo sopra le nostre teste? Abbiamo capito chi ci sta governando? Forse no. Forse crediamo che sia tutta una grande barzelletta, uno show, un’operetta – per la verità scadente – inscenata da pessimi registi per tenerci allegri, per farci ridere, per farci stare bene, spensierati.
Vediamo un po’. Voglio cercare di capire se la minchionaggine sta in chi ci governa o nei cittadini che accettano questa banda di farabutti.
A causa delle politiche basate sugli interessi della casta, abbiamo subito un’invasione indiscriminata della peggiore specie umana esistente sulla faccia della terra.
Ci hanno riempito le città di feccia extracomunitaria al grido di “fratellanza”, di “accoglienza”, di “tolleranza”. Poi, però, coloro che hanno voluto l’invasione, se ne sono lavate le mani, lasciando gli stranieri a rovistare nei cassonetti della spazzatura, o ad essere manovalanza per le associazioni criminali. Non hanno vigilato e vegliato sull’incolumità degli italiani lasciando gli immigrati totalmente liberi di agire nel commettere reati di ogni tipo.
Hanno voluto sensibilizzare un’intera popolazione sulla situazione dei profughi, quando l’80% di coloro che mettono piede in Italia clandestinamente sono solo dei fuggiaschi, spesso ricercati nei loro paesi d’origine.
E mentre ci prendevano per il culo, etichettando come razzista ogni singola persona che non accettava il loro falso e diabolico indottrinamento, gli autori politici dell’invasione di massa, nonché i loro parenti, amici, conoscenti e complici, creavano una serie infinta di associazioni pronte, a loro dire, a prendersi cura dei poveri immigrati. Laura Boldrini faceva da madrina alla razzia che veniva compiuta da ladri, truffatori e sfruttatori legati ai politici dal buonismo prezzolato.
La comunista aristocratica non ha perso occasione per fomentare l’invasione incontrollata, facendo la maestrina sulla morale, sull’educazione civile, sul senso di responsabilità nei confronti di milioni di arabi e africani. Si è persino fatta riprendere mentre indossava un salvagente come forma di sostengo morale per coloro che erano approdati e stavano per approdare sulle nostre cose. Però di portarli fin dentro casa sua per dare l’esempio al popolo, verso il quale è arrivata a chiedere persino l’accoglienza familiare, questo no. E’ troppo. Altra categoria politica alla quale piace fare la frocia con il deretano degli altri.
La super presidente, autrice di spese folli solo per cambiare la carta intestata della Presidenza della Camera, si è sempre curata dei mali provenienti da ogni angolo del mondo, tranne di quelli esistenti in Italia.
Una carica istituzionale di terzo grado per importanza non ha mosso un dito, non ha detto una parola, non vi è stato alcun segno di indignazione davanti alla morte per suicidio di padri di famiglia, chi titolari di aziende, chi dipendenti licenziati, ridotti allo stato di larva a causa delle ingenti tasse imposte dal suo barbaro governo.
Signori!
Abbiamo dato da mangiare, e tuttora lo stiamo facendo, ad una congolese che sedendosi in Parlamento per volere della banda piduina ci ha voluto dare lezioni di integrità morale, di civiltà e di comportamento. Proprio lei, che proviene da un paese dove il cannibalismo è una delle peggiori piaghe che ancora affligge quella nazione. Proprio lei, il cui padre è un capo tribù di quattro scimmioni africani ai quali ha imposto l’adorazione delle termiti.
I nostri soldi sono andati nelle tasche di questa inutilità mondiale, entrata clandestina in Italia e trovatasi in Parlamento grazie a quella forma mentale alterata che solo i finti democratici di sinistra potevano avere.
Ci siamo fatti scippare il diritto al voto che, per quanto potesse valere, ci dava almeno la sensazione di poter contare qualcosa ogni 5 anni. Abbiamo permesso a quella associazione a delinquere di stampo mafioso camorristico di instaurare ben tre governi senza che nessuno di questi avesse ricevuto un solo consenso.
Si sono contati, si sono guardati in faccia e si sono eletti, alla faccia del popolo Italiano.
Tre governi, uno peggiore dell’altro, uno più avido dell’altro, uno più infame, feroce, crudele, impietoso dell’altro.
Da Monti a Renzi, passando per Letta, vi sono stati tre golpe per i quali nessun italiano si è alzato dalla sua poltrona per protestare con vigore, con forza e con decisione contro la presa di potere che nulla ha avuto di democratico, ma peggio ancora, nulla ha avuto di civile.
E così ci siamo ritrovati sommersi da tasse su tasse, da veti e imposizioni una più restrittiva dell’altra. Partendo dall’IMU per arrivare alla cancellazione della reversibilità pensionistica i passi che questa feccia politica ha compiuto sulla testa del popolo italiano sono stati i peggiori che la storia d’Italia possa ricordare.
E mentre ci stavano affamando, mentre il popolo diventava sempre più povero ed i suicidi aumentavano di giorno in giorno, i golpisti inventavano mille sotterfugi per non farci accorgere che continuavano a mettere le loro luride mani nelle nostre tasche, proprio come fanno i rom alle stazioni delle grandi città, ma in stile diverso , tutelati dalle loro infami leggi barbare.
Si sono aumentati stipendio e diaria, hanno votato contro ogni riduzione dei loro compensi. Non hanno diminuito le pretese economiche spettanti a titolo “pensionistico” se di pensione si può parlare. Così come erano, sono rimasti, sia per numero che per emolumenti. Soldi nostri, sudati, risparmiati, lavorati con assidua fatica per 30 – 40 -50 anni.
Anni di contributi e di tasse versati per dar da mangiare a questa canea incapace, che si è persino venduta due soldati della Marina Militare pur di non perdere l’appalto per la vendita con l’India di alcuni velivoli da guerra. Si sono fatti piccoli e insignificanti anche davanti ad una nazione dove i tanto decantati e difesi diritti umani sono completamente sconosciti. Un popolo la cui intelligenza, cultura, onestà morale, civiltà e capacità mentale sono indirettamente proporzionali al numero di persone che lo compongono.
Signori!
Abbiamo dei ciarlatani al governo, Abbiamo dei venditori di fumo, dei pagliacci, delle inutilità e dei dementi talmente privi di capacità cognitiva che verrebbe voglia di urlare sulle loro facce tutta la rabbia e la disperazione che hanno prodotto e che ci hanno fatto ingoiare a forza con la loro disastrosa e disumana politica.
Camerieri, servi e prezzolati che servono gli interessi del loro padrone, come i cani che mordono a comando del loro addestratore, nulla hanno fatto a favore del popolo che avrebbero dovuto proteggere e condurre per sentieri privi di pericoli. Essi hanno fatto l’esatto contrario. Si sono venduti l’anima al dio denaro ed è ad esso che questi figli di nessuno appartengono.
Molti di costoro, non contenti della rapina mensile compiuta ogni mese nell’atto di prendere il cosiddetto ed immeritato stipendio, sono andati oltre, creando 10 -100-1000 mafia capitale. Un giro di centinaia di milioni di euro depredati dalle tasche dei cittadini. Centinaia di politici arrestati o indagati, processati o imputati di gravi reati. Di questi, sono diversi quelli che ancora continuano a detenere la propria carica. “E chi se ne frega”, si dicono tra loro, “tanto noi possiamo fare quello che vogliamo. E voi popolo somaro non potete farci nulla, anzi, sapete cosa facciamo? Benché indagati, imputati, processati e condannati, vi mettiamo sotto il naso qualche DDL (disegno Di Legge) che ci permetterà di rubarvi altri soldi che intascheremo, in un modo o in un altro. Tanto nessuno ci può toccare, anche perché noi siamo gli unici a credere nella magistratura. E sapete perché ci crediamo? Perché qualunque cosa sentenzi, per noi, ciò che conta, è non alienare il rapporto con il nostro padrone. Un padrone che comanda noi e la magistratura.”
Ecco signori miei, questa è la razza infame che ci governa. Ed è da questa infame politica che nasce la demenza che viene propinata al popolo inebetito, capace solo di rantolare qualcosa tra le mura di casa o dietro una tastiera.
Ora, dopo il danno anche la beffa. Dopo la crisi ecco le leggi innaturali, le leggi demenziali. La follia fatta governo.
Dopo averci riempiti di spazzatura umana, di gente pronta ad ammazzarti per pochi soldi, dopo aver messo costoro in ogni luogo abitato della nostra nazione, ci hanno detto che davanti ai crimini degli stranieri o di chiunque li avesse compiuti, non era giusto poterci difendere. Ci hanno detto che se si spara ad un rapinatore o a qualcuno che si è introdotto in casa per rubare, è una brutta cosa. Il ladro che ti sta derubando, forse, non ha intenzione di farti del male…forse.
E se, forse, vuole solo toglierti ciò che è tuo, tu non puoi difenderti sparando. Prima devi chiedergli se è armato, e se si con cosa. Poi devi valutare la sua posizione rispetto alla tua, ovvero se ti sta di fronte o di spalle. Perché nel primo caso forse vorrebbe solo convincerti che rubare è giusto. Nel secondo se ne sta andando pacifico. In ogni caso non puoi e non devi fargli del male.
Probabilmente coloro che hanno partorito una simile minchiata, o vivono in una deficienza mentale ormai impossibile da guarire, o si sentono parte in causa perché facenti parte della stessa categoria che vogliono difendere a tutti i costi. E per categoria non intendo quella straniera, ma l’altra, quella dei ladri.
Se ti difendi e spari a chi ti sta portando via ciò che hai,non solo ti condannano ad anni di galera ma devi anche risarcire la famiglia del ladro. Ma ci rendiamo conto?
In che nazione viviamo? Ma questa gente che legifera da quale manicomio è uscita?
Signori!
Ancora continuate ad accettare tutto questo? Permette di farvi rubare da ladri rumeni, africani arabi e di altre mille nazioni rimanendo in silenzio e inermi? State zitti anche davanti a leggi idiote, create da menti cerebrolese?
Vi lasciate portare al macello da chi, mentre dice che non dovete reagire ad una azione di violenza compiuta sulla vostra persona e nella vostra proprietà, vive blindato in casa e in auto scortato da poliziotti?
Signori ma in che mondo vivete? Si voi, signori miei, non questi balordi, mangiapane a tradimento. Voi signori che leggete, che con un occhio guardate indignati le immagini dei telegiornali di regime e con l’altro scrivete in tempo reale i vostri inutili sfoghi.
Lo sapete che in Grecia è in atto una ribellione da parte dell’intero popolo contro un governo che ha messo alla fame la propria nazione? Sapete che la polizia fatica a tenere a bada la massa di persone esasperate da politiche scellerate?
Signori miei, ma quando prenderemo a calci questa zavorra che ci sta succhiando il sangue e che ci vuole legare le mani davanti ai nostri carnefici importati dalle parti più buie del mondo?
Non vi smuove neanche il sovvertimento dell’ordine naturale delle cose?
Forse non lo sapete, ma mentre l’ultima marionetta al servizio delle banche e delle multinazionali che detiene il posto di primo ministro svende parte del territorio italiano alla Francia, pensa di regalare due regioni della nostra nazione alla Germania e cerca di cancellare il diritto alla reversibilità, benché pagata con i contributi di 40 anni di lavoro da ciascun lavoratore, la signora Cirinnà, facente capo allo stesso partito della marionetta ed il cui fratello è latitante dopo che la magistratura ha emesso un mandato di cattura per la vendita fraudolenta di greggio, ha fatto un bel disegno di legge per il quale una insignificante minoranza di sodomiti, può sposarsi e prendere in adozione dei bambini.
Un follia degna delle follie già promulgante dai vari governi italiani. Pazzi che sostituiscono altri pazzi. Ma questi sono anche peggiori dei precedenti.
La forma egoistica di un sodomita, che si sente femmina a tal punto da voler essere “mammo” a discapito di un bambino le cui colpe sono state  quella di essere tale e di non aver avuto dei genitori degni di tale nome, e per questo condannato a vivere con una coppia di lesbiche o di gay, è aberrante, inaccettabile, innaturale, immonda.
Anche qui, signori miei, scatta l’etichetta sessista, razzista, omofona. Perché la forma innaturale di coloro che si accoppiano con lo stesso sesso non può essere in alcun modo indicata come tale ma, al contrario, gli eterosessuali, ovvero coloro che per natura seguono le regole da sempre imposte dalla vita stessa, devono accettare l’innaturale comprendendola e, anzi, stimolandola.
Ecco allora il preludio al ritorno di Sodoma anche attraverso il disegno di legge della “buona scuola” grazie al quale i bambini apprenderanno dai 3 anni in su la masturbazione e l’omosessualità, magari baciandosi tra maschi o tra femmine. mai però con il sesso opposto.
Signori, state vivendo un mondo che gira al contrario. Vi state facendo comandare da chi non capisce neanche che se fossimo tutti froci, nessun utero darebbe più le future generazioni. State mettendo a rischio la psiche dei vostri figli più piccoli, che non capiranno se è naturale accoppiarsi con il sesso opposto o con lo stesso stesso, o magari con una pecora.
Signori miei, voi state condannando non solo voi stessi allo sterminio, ma, quel che è peggio, state mettendo in un campo di concentramento mentale i vostri figli e i vostri nipoti.
Il futuro della società italiana, grazie alle pericolosità sociali di gente come Boldrini, Kyenge, Renzi, Cirinnà, e di altri di stampo minore, ma non per questo meno pericolosi, sarà composta da meticci, froci, comunisti e pezzenti. Si perché la loro ricchezza non starà nei loro beni patrimoniali, ma nell’aver acquisito nel loro DNA tutto il caos genetico e psichico seminato da quell’immondo mondo politico contro il quale nessuno sta muovendo un dito.
Signori, siate pronti all’ingaggio perché il caos è già davanti alla porta di casa vostra!

Be the first to comment on "Signori, all’ingaggio!"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: